martedì 6 giugno 2017

Diego Cajelli: "Social media? Legioni di utenti che vivono una realtà parallela alla nostra"

video

Verità o menzogna? Fake news e ruolo dei social media? "Da alcuni anni a questa parte la mia visione è decisamente critica, prima con la mia campagna contro le bufale di alcuni anni fa, poi con altre azioni e una serie di articoli critici. Manca completamente il lato di preparazione all’uso del web: un uso consapevole eviterebbe problemi", così Diego Cajelli, scrittore, sceneggiatore di fumetti, autore de "Il manuale illustrato dell'idiota digitale" (Panini Comics).

mercoledì 31 maggio 2017

Covfefe, il neologismo che non esiste

Il caso "covfefe" dovrebbe forse farci riflettere sul mondo dei social media e di come si possa creare un 'caso' su qualcosa che non esiste. E' certa superficialità che spesso viene imputata a Facebook o Twitter dove scorrono "fiumi di parole" sovente inutili. Ma è anche, potrebbero replicare altri, uno straordinario mezzo di comunicazione e propaganda che può cambiare la prospettiva su personaggi o eventi.

Ma partiamo dal principio. Il presidente americano Donald Trump twitta intorno alla mezzanotte americana (le sei del mattino in Italia) questo messaggio: «Despite the constant negative press covfefe» che in italiano suona più o meno "Nonostante la costante negativa 'covfefe' della stampa". Tweet enigmatico per la presenza di quel «covfefe» che non compare in alcun dizionario. Sul social media si scatena la corsa all'interpretazione. Per gran parte degli utenti Trump è caduto in un refuso: avrebbe in realtà voluto scrivere "coverage", parola che avrebbe reso il messaggio più chiaro e coerente con certa narrativa trumpiana non tenera verso il mondo dei media: «Nonostante la costante copertura negativa della stampa». Ma il tweet non viene cancellato o modificato e rimane in rete per diverse ore. Una strategia o una disattenzione?

Sta di fatto che il messaggio viene ritwittato da oltre 107.000 utenti e più di 35mila rispondono a Trump, molti con ironia, e "covfefe" diventa un trending topic mondiale, arrivando al primo posto tra gli hashtag più usati su Twitter a livello internazionale. Gif animate, meme, fotomontaggi, battute, giochi di parole: web e social media si scatenano. In Italia, in molti riesumano la 'supercàzzola' di Amici miei, quindi il trionfo del nonsense, la frase priva di senso logico.

Sta storia del #Covfefe è una supercazzola evidente: "Cosa facciamo con la Korea del nord?" "Prematuriamo una Covfefe come se fosse antani" (@JacketGuy1)

Altri invece notano l'evidente contraddizione tra realtà e futilità.


Non è colpa di #Trump se tutti dai media in giù fanno più attenzione a un tweet scritto male che ai suoi atti di governo #covfefe (@mazzettam)

Dopo sei ore di animata e partecipata discussione, Trump, alle sei del mattino ora di Washington, cancella il tweet. Ma, confermando il suo spirito da istrione, il presidente non manca di scherzare e cavalcare, a suo vantaggio, anche le prese in giro della Rete: "Chi può scoprire il vero significato di 'covfefe'? Divertitevi", scrive in un nuovo tweet. Se da un errore Trump ne possa ricavare un vantaggio in termini di simpatia, ciascuno può trarre le proprie conclusioni. Ma è già certo che da un errore, il non-neologismo "covfefe" si è già in qualche modo imposto.

L’australiana Abc titola che Trump "potrebbe aver inventato la parola dell’anno (anche se per errore)”, e il portale americano Fusion ha lanciato via Twitter un sondaggio sull’ipotetica pronuncia di covfefe. Con il 37% di voti su circa 38mila, la favorita per il momento è “Cov-Fee-Fee” (cov-fi-fi in italiano), con l’accento sulla seconda sillaba.

Su Urban Dictionary, il dizionario online che raccoglie le definizioni e i termini slang o giovanili, è già stata aggiunta una voce per il neologismo di Trump: secondo un utente, covfefe è "una parola usata per finire un tweet che non avrebbe mai dovuto essere cominciato".

E, forse come solo gli americani sanno fare, si è già scatenato lo sfruttamente commerciale dell'errore presidenziale. Sul web c’è già chi vende magliette, berretti, tazze e altri prodotti con la scritta "Covfefe", slogan del tycoon vengono riveduti e corretti (invece di "Make America great again" si legge "Make America covfefe again") e i più lesti come la comica Cristina Wong chi si è già assicurata il dominio covfefe.com

martedì 9 maggio 2017

Ritagli. Per dire che c'è la Maturità il ministero fa 59 premesse

(articolo pubblicato sul Corriere della Sera)


Visto... Visto... Visto... Visto... Visto... Visto... La ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli ha fatto il record: per dire in quale giorno e come sono convocati i prossimi esami di Maturità è riuscita a usare nell'alluvionale premessa 59 «visto...» e «vista...», più un «considerato» e due «ritenuto». E vai! Non c'è ministro del passato che possa reggere il confronto: tutti spazzati via. La ministra precedente Stefania Giannini, occorre dire, si era impegnata a fondo: 55 «visto...» e «vista...» nell'ordinanza per la maturità 2014. Per salire a 57 «visto...» e «vista...» nel 2015. E inerpicarsi infine a 58 «visto...» e «vista...» più un «considerato» nel 2016. Ma vuoi mettere l'exploit della attuale responsabile della scuole e dell'università? 

Battuto ogni primato qualche settimana fa nel burocratese politically correct coi testi dei decreti delegati (una frase per tutte: «Valutato, da parte del dirigente scolastico, l'interesse della bambina o del bambino, dell'alunna o dell'alunno, della studentessa o dello studente...») l'ex laureata non laureata (ahi ahi, quel curriculum vanitosetto...) lancia davvero un bel messaggio al mondo dei docenti e degli allievi: il mondo è dei burocrati, adeguatevi. 

Capiamoci, il burocratese non l'ha inventato lei. Né si tratta di un problema solo italiano. Basti ricordare «La piccola Dorrit» dove Charles Dickens ride del «Ministero delle Circonlocuzioni» che «come tutti sanno benissimo è il più importante di tutti» perché qualunque cosa si debba fare, subito interviene e, «avanzando in ciò tutte le altre pubbliche amministrazioni, trova i mezzi più acconci... per non farla». È un secolo e mezzo che l'impasto di burocrazia borbonica e burocrazia piemontese uscito dall'Unità scodella nel nostro smisurato paniere legislativo esempi di linguaggio demenziale. Dove i gatti randagi sono «atti» al «vagantismo felino», le biciclette sono «velocipedi con due o più ruote funzionanti a propulsione esclusivamente muscolare», la «superficie di rotolamento della ruota deve essere cilindrica senza spigoli, sporgenze o discontinuità» (vietate le ruote quadrate), «la circolazione delle slitte» è ammessa «solo quando le strade sono ricoperte di ghiaccio o neve...» e la consulenza è un «supporto consulenziale». Fino ad esempi inarrivabili come l'«autocertificazione di esistenza in vita» che devono presentare i vivi dati per morti. Autocertificazione che esordisce con una cretinata stratosferica, in cui il sedicente vivo dichiara di essere «consapevole che in caso di dichiarazione mendace sarà punito...» Guai a lui, se è morto e lo nega. Verrà, come si dice, «tradotto in giudizio». Alla pari di Papa Formoso che dopo essere defunto da mesi, come racconta Gregorovius, fu «strappato al sepolcro in cui riposava», «abbigliato con i paramenti papali e messo a sedere su un trono nella sala del Concilio» per un macabro processo indetto dal successore. 

Ecco, la Fedeli è nella scia d'una storia così. Folle. Ma certo non ha neppure tentato di correggere l'andazzo. Tanto per capirci: la sua ordinanza per convocare gli esami di maturità è composta da 49 pagine per un totale di 23.285 parole. Quasi due volte e mezzo il Manifesto del Partito comunista di Engels e Marx. Per aprire il Concilio Ecumenico Vaticano II, a Giovanni XXIII ne bastarono 3.786: sei volte di meno. Quanto al diluvio di «visto», eccone un assaggio: «Visto il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297...», «Vista la legge 15 marzo 1997, n. 59, recante delega...», « Vista la legge 10 dicembre 1997, n. 425, concernente...», « Visto il decreto-legge 1 settembre 2008, n. 137, convertito...», « Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 ottobre 2012, n. 263...» e via così, per sei pagine (sei pagine!) fitte fitte. 

Tutte ma proprio tutte assolutamente indispensabili? Ci permettiamo di dubitarne. Così come dubitiamo della bontà di passaggi come questo: «L'ammissione dei candidati esterni è subordinata al superamento dell'esame preliminare, di cui all'articolo 7 della presente ordinanza (legge 11 gennaio 2007, n. 1, articolo 1, capoverso articolo 2, comma 3; articolo 1-quinquies del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 134, convertito con modificazioni dalla legge 24 novembre 2009, n. 167)». Si dirà: non sono testi per gli studenti ma per gli specialisti. Al massimo per i professori. Sarà... Ma una scuola che ai suoi massimi vertici scrive in questo modo ottusamente burocratico come può poi avere un linguaggio diverso nelle aule? Quando mai correggerà, una scuola così, un alunno convinto che l'uso di «attizio», «attergare», «obliterare», sia un segno di preparazione, diligenza, profondità culturale? 

Sono passati quasi quarant'anni da quando Stefano Gensini scrisse che «i programmi delle medie affermavano che il ragazzo doveva essere educato dapprima a scrivere in periodi “semplici e chiari”, poi sempre più “ampi e complessi”. Semplicità e chiarezza che altrove in Francia o Inghilterra sono segno di cultura elevata, severa e impegnata o brillante, da noi sono ritenute roba da scolaretti: una specie di infantilismo di cui liberarsi prima possibile». 


È cambiato qualcosa, da allora? In peggio. Ce lo dice la freschezza che hanno ancora le invettive antiche di Italo Calvino («dove trionfa l'antilingua — l'italiano di chi non sa dire “ho fatto” ma deve dire “ho effettuato” — la lingua viene uccisa») o di Tullio De Mauro. Che come scrisse Massimo Baldini sogghignava: «Vi sono persone che di fronte a un discorso chiaro rimangono completamente indifferenti ma se voi gli dite che “a livello di strutture profonde e di correlati sistemici neurologicamente saturati sussiste la necessitazione semiotica del condizionamento rematico del translinguistico”, a queste persone brillano gli occhi e vi guardano con entusiasmo, anche se non capiscono, anzi, proprio perché non capiscono». Del resto, come già spiegava Galileo Galilei, «parlare oscuramente lo sa fare ognuno, ma chiaro pochissimi». A partire dai burocrati del ministero dell'Istruzione...