mercoledì 1 febbraio 2017

Cesati: "Il beccalibri? Un lettore superficiale. Una parola nel dimenticatoio"

24 gennaio 2017 - Nella rincorsa ai neologismi, spesso si trascura quel ricco bagaglio di parole del nostro vocabolario che fanno parte di una tradizione culturale oltre che linguistica. Parole spesso perdute, perchè non più usate e di cui a volte se ne ignora persino il significato. In cima a questa lista: beccalibri, fanfaluca, garrire.

"Sono parole cadute in disuso che abbiamo raccolto insieme a tante altre in un dizionario dove oggi risiedono i tremila termini a basso uso letterario e considerati obsoleti. Il beccalibri? Un lettore superficiale, purtroppo quasi tutti i lettori di oggi che leggono con superficialità e spesso dimenticano. Ma di questi tempi, è già tanto che si legga!", così Franco Cesati, editore de "Il dimenticatoio - dizionario delle parole perdute".